gastroesofageo

Nutrizione

Per avere un regime alimentare sano affidati ai nostri esperti nell’ambito nutrizionale, così da avere una dieta equilibrata e modellata sulle tue esigenze, sui tuoi gusti, sul tuo andamento di vita e sul tuo fisico. Mangiare bene implica avere uno stile di vita sano con l’obiettivo di ottenere risultati positivi sia sul corpo che sulla mente.

Domande e Risposte

E’ ormai noto che una sana e corretta alimentazione, abbinata ad uno stile di vita corretto, contribuisce al mantenimento dello stato di salute e aiuta a prevenire una serie di patologie.
I principi di una sana e corretta alimentazione risiedono proprio nel modello mediterraneo.
La Dieta Mediterranea, dal 2010 considerata dall’UNESCO patrimonio immateriale dell’umanità, è un modello nutrizionale ispirato agli stili alimentari tradizionali dei Paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo. Scienziati di tutto il mondo hanno iniziato a studiarla fin dagli anni ’50 del secolo scorso e ancora oggi rimane tra le diete che, associate a stili di vita corretti, risultano influire positivamente sulla nostra salute.
Questo modello, basandosi su un regime ricco e perfettamente bilanciato di nutrienti, è caratterizzato da un consumo prevalente di alimenti di origine vegetale – come cereali integrali, legumi, frutta, verdura e olio extravergine di oliva – e un consumo moderato di prodotti di origine animale – come carne, latticini e pesce. I benefici della Dieta Mediterranea risiedono soprattutto nel consumo di alimenti grezzi, prodotti a partire da materie prime poco lavorate e molto ricche sul piano nutrizionale, quindi alimenti a bassa densità calorica e ricchi in fibre e sostanze protettive (come vitamine, minerali e sostanze antiossidanti).
Nel corso degli anni, però, questo regime alimentare ha subito degli stravolgimenti che lo hanno snaturato. L’industrializzazione dei cibi, i processi di raffinazione, hanno generato un cambiamento radicale degli ingredienti e del loro impatto sulla fisiologia umana.
La dieta mediterranea rappresenta la scelta più sana e protettiva, ma solo nella sua impostazione originaria.

La menopausa è una condizione fisiologica, naturale, che nella donna corrisponde al termine dell’età fertile ed inizia 12 mesi dopo l’ultima mestruazione. Il passaggio non avviene in modo brusco, si arriva a questa fase attraversando la premenopausa, o climaterio, la cui durata è variabile. I livelli degli ormoni sessuali, progesterone ed estrogeni, diminuiscono e allo stesso tempo gli androgeni tendono a crescere. I cambiamenti ormonali incidono sul peso corporeo, sul sonno, sulla perdita del cacio nelle ossa, sull’assimilazione dei nutrienti e su altri sintomi, tra i quali astenia, cefalea, vampate di calore, instabilità dell’umore, ansia e depressione.
Nutrirsi in modo adeguato, scegliendo alimenti e associazioni alimentari su misura, è indispensabile per vivere bene la menopausa e sentirsi al meglio.
Errori comuni sono quelli di ridurre troppo le calorie, demonizzare i grassi, ricorrere ad alimenti light, seguire diete iperproteiche e saltare i pasti.
L’alimentazione corretta dovrà essere bilanciata e ricca di alimenti nutrienti. In particolare dovrà:

  • contenere proteine, vitamine e minerali per prevenire l’osteoporosi;
  • prevedere ad ogni pasto frutta e verdura verde e gialla (kiwi, arancia, carote, peperoni, broccoli, ecc.);
  • evitare un consumo eccessivo di formaggi e ricorrere piuttosto ad alimenti come rucola, olive, agretti, cicorie, vongole, sogliole, rombi, polpo, piccoli pesci e alici, ricchi non solo di calcio, ma anche di altri minerali importanti;
  • evitare di eccedere con il caffè e con le bevande alcoliche;
  • limitare alimenti ad elevato indice glicemico e pasti ad elevato carico glicemico;
  • utilizzare prevalentemente grassi vegetali monoinsaturi (olio extravergine di oliva);
  • aumentare l’apporto di acidi grassi essenziali della serie omega-3 per prevenire il declino cognitivo e le malattie cardiovascolari;
  • evitare nel pasto serale sostanze stimolanti che favorirebbero l’insonnia e le vampate di calore;
  • mangiare cibi più ricchi di antiossidanti e fitoestrogeni (broccoli, legumi, cipolle, aglio,salvia e rosmarino);

Adottare un adeguato stile di vita e la giusta strategia alimentare possono prevenire e migliorare alcuni disturbi caratteristici di questa fase della vita.

Una buona parte dei disturbi della funzionalità gastro-esofagea dipende dall’assunzione di alcune categorie di farmaci, dallo stress, dall’uso del tabacco e da uno stile di vita errato. Spesso sono conseguenza di cattive abitudini alimentari, che dovranno essere pertanto identificate e corrette.
Alcuni cibi, ad esempio, possono ridurre il tono dello sfintere esofageo inferiore, come l’alcol, il caffè, il cioccolato, la menta, alcune spezie e i cibi ricchi in grassi idrogenati. Alcuni possono rallentare lo svuotamento gastrico, come alimenti molto acidi o ricchi in fibre alimentari a frazione solubile. Altri possono aumentare impropriamente la distensione dello stomaco, come le bevande gassate.
Oltre ad evitare specifici alimenti, è fondamentale adottare alcuni comportamenti molto semplici:

  • mangiare lentamente perché una masticazione adeguata facilita la digestione e riduce i tempi di permanenza gastrica del cibo;
  • evitare pasti troppo abbondanti, soprattutto la sera, ripartendoli invece nell’arco della giornata e mantenendo il più possibile orari regolari senza mai saltare un pasto o ritardarlo eccessivamente;
  • seguire una dieta semplice, che non significa troppo leggera o “in bianco”, ma evitare di associare troppi alimenti diversi nello stesso pasto;
  • evitare l’impiego di alimenti troppo caldi o troppo freddi.

Adottare un adeguato stile di vita e la giusta strategia alimentare possono prevenire e migliorare alcuni disturbi del tratto gastro-esofageo.

Dott.ssa Natascia Di Crosta

Nutrizionista e Dietista

Laureata in Dietistica all’università Cattolica del Sacro Cuore, nella sede di Roma, è abilitata all’esercizio della professione di Dietista e svolge attività di libero professionista.
Frequenta regolarmente corsi di aggiornamenti scientifici, partecipa a meeting e a diverse riunione di settore.
Crede nel detto del “mangiare intelligentemente”, il che significa conoscere il valore e la qualità degli alimenti che vengono introdotti nel corpo, usarli e combinarli al meglio per stare bene e per migliorare i sintomi di alcune patologie e, ove possibile, anche evitarle: quindi #Alimentazione come #prevenzione di vita.
Lo scopo del lavoro della Dott.ssa Natascia Di Crosta è quello di aiutare le persone a conoscere gli alimenti, insegnare i giusti abbinamenti e scoraggiare le cattive abitudini.
Ha ideato, inoltre, un piano alimentare che sottopone ai pazienti come approccio iniziale: il RESET METABOLICO, che ha riscosso fin da subito un grande successo.

Dott.ssa Brenda Desirée Calibeo

Biologa Nutrizionista

Laureata in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana presso il Campus Bio-Medico di Roma e specializzata in Nutrizione Clinica presso la stessa Università, ha conseguito la laurea Magistrale in collaborazione con la Oxford Brookes University.
Abilitata all’esercizio della professione presso l’Ordine Nazionale dei Biologi, svolge attività di Biologa Nutrizionista tra Chieti,Roma e Pescara.
Spinta dal forte interesse nella cura e nella comprensione dei Disturbi Alimentari, ha recentemente frequentato un corso di specializzazione presso la scuola Jonas di Massimo Recalcati – Centro di Clinica psicoanalitica per i Nuovi Sintomi del disagio contemporaneo: anoressie-bulimie, obesità, depressioni, attacchi di panico, dipendenze patologiche, disagio familiare, infantile e adolescenziale.
Crede fermamente nell’associazione tra corpo e mente nel percorso nutrizionale e ha un approccio di tipo scientifico,motivazionale, educativo ed empatico. Non le piace la parola dieta, ma ama la parola “equilibrio”.

Il suo motto? Dimagrire è una questione di “metabolismo mentale”.

Dott.ssa Valentina Fantauzzi

Nutrizionista

Laureata in Scienze dell’Alimentazione e della nutrizione umana all’Università Campus Bio-medico di Roma, consegue l’abilitazione alla professione e si iscrive all’Ordine Nazionale dei Biologi. Effettua un tirocinio di 9 mesi presso l’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del CONI di Roma, esperienza che le ha permesso di approfondire il tema dell’alimentazione applicata allo sport, sia a livello dilettantistico che agonistico. In seguito, dopo un tirocinio svolto presso lo studio medico della Dott.ssa Anna D’Eugenio, si appassiona alla Bioterapia Nutrizionale e approfondisce l’ambito con un corso specifico della durata di due anni.

Prenota ora la tua Visita

Tel: 06 45753808
Whatsapp: 375 6479674

Per maggiori Informazioni

segreteria@esedramedicalcenter.it

Orari di Apertura

Lun. / Ven. 9:00 – 20:00
Sab. 9:00 – 13:00

Contattaci

Per qualsiasi ulteriore informazione puoi inviarci un messaggio e sarà nostra cura rispondere quanto prima a tutte le tue domande.

I campi con * sono obbligatori

    Gli eventuali dati personali forniti saranno acquisiti dal Titolare del trattamento che li tratterà, secondo la legge sulla privacy, al solo scopo di rispondere alla richiesta di contatto. I dati non saranno ceduti a terzi. La cancellazione potrà essere richiesta in ogni momento inviando una comunicazione come previsto nel documento della privacy (secondo GDPR)

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.