Giorni e Orari di Visita
  • clockLunedì 09:00 – 20:00
    Martedì 09:00 – 20:00
    Mercoledì 09:00 – 20:00
    Giovedì 09:00 – 13:00
    Venerdì 09:00 – 20:00
    Sabato 09:00 – 13:00
Prenota la tua Visita

Osteopatia

L’osteopatia si basa su un approccio causale non sintomatico che pone l’attenzione sull’alterazione funzionale del tuo corpo per individuare la causa della problematica, che talvolta è lontana dalla zona dolorante.
I nostri Osteopati sono al servizio del benessere del tuo corpo, consapevoli che lo stato di salute è determinato da corpo, mente e spirito.

Domande e Risposte

Dall’osteopata ci puoi andare per due motivi: per stare bene, o per stare meglio!
Quando dico per stare bene, intendo dire per risolvere un problema acuto. Un mal di schiena, un dolore cervicale, una tendinite, una situazione che magari ci tormenta da anni, ma che nell’ultimo periodo si è acutizzata. In questo caso il trattamento manuale osteopatico si occupa di eliminare il dolore dopo la prima seduta, e si farà poi un lavoro sulle cause dell’infiammazione mirato a riorganizzare l’organismo fino a far sparire il problema.
Il secondo motivo per cui puoi rivolgersi ad un osteopata è per stare meglio. Quando la tempesta è passata, quando non ci sono più forti dolori acuti che ci tormentano, ma ci rendiamo conto che il nostro stile di vita può portarci a situazioni di sovraccarico, ecco che l’osteopata è il professionista da cui recarsi.
Lo stress quotidiano, l’alimentazione scorretta, la poca attività fisica, sono condizioni che non consentono al nostro corpo di essere sempre al 100%. Il trattamento manuale osteopatico ci aiuterà a stare meglio e a correggere il tiro su alcune abitudini che possono essere causa di problemi.

Nelle varie specialità sportive la struttura muscolo scheletrica viene spinta a sollecitazioni estreme e, piccoli traumi quotidiani, spesso sottovalutati, fanno venire a galla problemi sia dell’apparato locomotore e sia di altri apparati. Questi disturbi spesso non sono evidenti all’inizio della stagione ma si manifestano in incidenti (blocchi, strappi, debolezze, dolori) quando il corpo non è in più in grado di compensare lo squilibrio.
Le potenzialità del lavoro osteopatico a favore del mantenimento e al miglioramento delle performance atletiche e alla prevenzione di danni conseguenti a squilibri scheletrici e motori si possono così sintetizzare:

  • Miglioramento della mobilità articolare;
  • Miglioramento dell’elasticità e dell’allungamento muscolare;
  • Controllo e armonizzazione della postura;
  • Riequilibrio delle funzioni neuro-muscolo-scheletriche perturbate da sistemi biomeccanici disarmonici.

Eventi traumatici che limitano o bloccano l’attività sportiva sono spesso causa di delusione per atleti agonisti e amatoriali. L’osteopatia può favorire il processo di guarigione ma soprattutto cercare la causa intrinseca del trauma, se questo non proviene dall’esterno.

Il fisioterapista è l’operatore sanitario che svolge in via autonoma, o in collaborazione con altre figure sanitarie, gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione nelle aree della motricità, delle funzioni corticali superiori, e di quelle viscerali conseguenti a eventi patologici, a varia eziologia, congenita o acquisita
Spesso il suo lavoro è orientato alla cura della sintomatologia locale essenzialmente a seguito di un intervento chirurgico o di un trauma importante. Il fisioterapista focalizza maggiormente i propri trattamenti sulle zone interessate dal dolore con l’obiettivo di ripristinare l’area che presenta la sintomatologia.
Durante il trattamento, il fisioterapista può utilizzare terapie strumentali (es. tecar terapia, laser, ultrasuoni)e manuali.
L’osteopata ricerca principalmente le cause che hanno generato il problema. Il professionista non si sofferma esclusivamente sulla zona che presenta la sintomatologia, ma considera il corpo nella sua globalità – valutando i vari sistemi, che possono concorrere al dolore dell’assistito – e ripristina attraverso la manipolazione osteopatica i processi di autoguarigione e autoregolazione che sono presenti nel nostro corpo. Attraverso le tecniche manipolative osteopatiche si agisce anche sul sistema nervoso neurovegetativo dando un’informazione ottimale per accelerare i progressi di salute del paziente.

– Tecniche strutturali: per ristabilire la mobilità e la corretta funzione del sistema muscolo-scheletrico sviluppando un’influenza neurologica, oltre che puramente meccanica, in quanto favoriscono l’emissione di corretti impulsi dalle e alle terminazioni della parte trattata.
– Tecniche cranio-sacrali: ad azione sul sistema cranio e sul sacro al fine di ristabilire il cosiddetto “Meccanismo Respiratorio Primario” necessario per ripristinare la vitalità dell’organismo, qualità fondamentale che permette agli esseri viventi di reagire con efficacia agli eventi di disturbo provenienti dall’ambiente esterno e da quello interno.
– Tecniche viscerali: i visceri addominali hanno una mobilità, una motricità ed una propria motilità che consente loro di espletare a pieno le proprie funzioni.
– Tecniche fasciali: l’intero organismo è una struttura retta e funzionante grazie al tessuto connettivo che è uno dei quattro tipi fondamentali di tessuto che compongono il corpo e che ha la funzione di provvedere al collegamento, al sostegno e al nutrimento di tutti gli altri tessuti dei vari organi. Deriva dal tessuto connettivo embrionale, il mesenchima (che origina principalmente dal mesoderma). Il trattamento di tale struttura consente una normalizzazione e riequilibrio dell’intero sistema corpo.

L’osteopata e il ginecologo possono collaborare per la risoluzione di problematiche del bacino che vanno influenzare la sfera ginecologica e viceversa.
L’utero e le ovaie sono ancorati con dei legamenti all’osso sacro e alla colonna, tutto l’apparato ginecologico poggia sul pavimento pelvico costituito da una serie di muscoli che si inseriscono sul bacino e sulle anche, quindi è facile intuire come una alterata funzionalità ginecologica può ripercuotersi sulla struttura (per esempio una lombalgia o una sciatalgia di origine ginecologica) e viceversa come una eccessiva tensione muscolare legamentosa o un osso mal posizionato o poco mobile si può ripercuotere sugli organi ginecologici (per esempio ciclo mestruale doloroso o irregolare per una eccessiva tensione legamentosa e muscolare per un sacro poco mobile con congestione degli organi genitali).
Il pavimento pelvico con la sua struttura complessa, muscolare e fasciale gioca un ruolo fondamentale per l’ apparato genitale femminile e per l’ espulsione durante il parto. Un cattivo funzionamento di questa struttura oltre a creare problemi durante il parto può causare perdite urinarie, prolasso uterino, vescicale, rettale, emorroidi, disfunzioni sessuali, infiammazione organi pelvici, cefalee, emicranie, incontinenza che creano alla donna un grave disagio. Il pavimento pelvico ha una funzione di supporto contro la gravità dei visceri pelvici, una funzione sfinterica, dell’ apparato urogenitale, intestinale, sessuale.
L’Osteopata valuta e tratta i visceri del piccolo bacino ridando mobilità e motilità, regola le pressioni addominali permettendo un corretto flusso sanguigno, normalizza bacino sacro e cocige come costutuenti osse articolari del pavimento pelvico.

I trattamenti osteopatici in età pediatrica sono sempre più richiesti per alleviare le tensioni meccaniche acquisite prima della nascita o durante il parto.
In numerosi paesi del nord Europa l osteopata affianca l’ostetrica durante l’intero travaglio e assiste il bambino appena nato.
Anche in Italia l’osteopatia sta assumendo un ruolo di crescente importanza, volto a favorire il benessere della mamma, del neonato e del bambino.
Il lavoro dell’osteopata affianca in maniera efficace la futura mamma durante la gravidanza e al momento del parto, diventando poi un supporto importante per il neonato.
In gravidanza l’osteopatia favorisce le migliori condizioni per un parto fisiologico e può alleviare molti dei disturbi che si manifestano nel corso dei 9 mesi di gestazione
Nel neonato prematuro l’osteopatia aiuta l’apparato digerente, respiratorio, motorio e neurologico
Nel neonato a termine l’osteopatia previene eventuali complicanze che possano ritardare un corretto sviluppo del corpo, dovute a un travaglio eccessivamente lento o troppo veloce.
Il trattamento osteopatico è la terapia elettiva per il neonato sia in caso di parto naturale che in caso di parto cesareo.
Nel primo caso le deformazioni del cranio durante l’espulsione possono non riassestarsi completamente nel tempo, specialmente se la nascita è stata difficoltosa: questo può comportare alterazioni della mobilità di alcune ossa craniche non ancora saldate e conseguenti disfunzioni a carico del sistema visivo e occlusale.
Nel secondo caso manca l’importante passaggio del feto lungo il canale del parto e avviene un brusco passaggio dall’habitat uterino al mondo esterno.
In entrambe le condizioni se l’adattamento fisiologico del cranio non avviene l’osteopata interviene per riequilibrarlo, eliminando le disfunzioni ed evitando che queste possano manifestarsi in futuro.
Quali disfunzioni può prevenire l’osteopatia?
Tra le disfunzioni che possono manifestarsi nel neonato e nel bambino, alle quali l’osteopatia può porre rimedio:

  • Plagiocefalie
  • Coliche
  • Rigurgito, reflusso
  • Deglutizione
  • Disturbi del sonno
  • Strabismo
  • Irritabilità e pianto nel bambino
  • Difficoltà scolari (dislessia, disortografia)
  • Stipsi
  • Displasia delle anche
  • Eczema
  • Enuresi
  • Torcicollo congenito
  • Problemi O.R.L.( otite media, bronchiti, adenoidi ipertrofiche)
  • Allergie
  • Asma

Dott. Cristiano Pompili

Osteopata e Fisioterapista

Attualmente Osteopata della FIGC Nazionale UNDER 21 ed Ex Osteopata della Lazio, è docente del corso di Osteopatia Strutturale presso la EDUCAM Complementary & Alternative Medicine Education.
Lavora presso FISIOGROUP, centro di eccellenza medicina dello sport essendo specializzanto in osteopatia sportiva.
Ha conseguito il Bachelor of science in Osteopathy BSc.Hons, Swansea University, Regno Unito
e poi il Master 2Eme Niveau Osteopathie, alla Université Europeenne Jean Monnet di Bruxelles per poi specializzarsi al CERDO Centre Pour l’Etude, la Richerche et la Diffusion Osteopathiques a Roma e, sempre a Roma, presso C.R.O.M.ON. Centro Ricerche Olistiche per la Medicina Osteopatica Naturale

Dott. Stefano Pompili

Osteopata

Laureato in Fisioterapia nel 1981, successivamente si è interessato all’allora nascente Osteopatia in Italia con il dott. Alain Bernard frequentando i suoi corsi per tre anni. Successivamente nel 1995 ha conseguito il diploma di Osteopata presso l’istituto “C.E.R.D.O.” di Roma e nel 2011 ha ottenuto in Francia il “Titre Professionel d’Ostèopathe” presso il “Centre d’Ostèopathie ATMAN”, legalmente riconosciuto in tutta Europa. Ha collaborato con numerose Società Sportive professionistiche. Ha lavorato in qualità di Osteopata presso l’Istituto di Medicina dello sport di Roma (CONI)e la Clinica Villa Stuart di Roma. Insegna Posturologia presso lo IUSM (Università degli studi di Roma “Foro Italico”) ed è docente al master di Osteopatia presso l’Università Unicamillus di Roma.

Dott. Francesco Rella

Osteopata

Ha studiato presso l’accademia di Medicina Osteopatica Alessandro IV
Dal 2017 ad oggi collabora presso lo Studio Osteopatico Genoli, da ottobre collabora anche con lo studio “Cedilab poliambulatorio” e con il Dottor Vittorio Rinaldi Medico Chirurgo Otorinolaringoiatra.

Prenota ora la tua Visita

Tel: 06 45753808
Whatsapp: 375 6479674

Per maggiori Informazioni

segreteria@esedramedicalcenter.it

Orari di Apertura

Lun. / Ven. 9:00 – 20:00
Sab. 9:00 – 13:00

Contattaci

Per qualsiasi ulteriore informazione puoi inviarci un messaggio e sarà nostra cura rispondere quanto prima a tutte le tue domande.

I campi con * sono obbligatori

    Gli eventuali dati personali forniti saranno acquisiti dal Titolare del trattamento che li tratterà, secondo la legge sulla privacy, al solo scopo di rispondere alla richiesta di contatto. I dati non saranno ceduti a terzi. La cancellazione potrà essere richiesta in ogni momento inviando una comunicazione come previsto nel documento della privacy (secondo GDPR)

    Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.